Monitoraggio emodinamico Edwards Lifesciences Monitoraggio emodinamico Edwards Lifesciences

Sistema FloTrac

La chiarezza necessaria per il mantenimento costante
dei pazienti nell'intervallo di volume ottimale

Sistema FloTrac

La chiarezza necessaria per il mantenimento costante
dei pazienti nell'intervallo di volume ottimale

Il sistema FloTrac aggiorna automaticamente i parametri avanzati ogni 20 secondi, riflettendo in modo più accurato i rapidi cambiamenti fisici che si verificano negli interventi con rischio chirurgico da moderato e ad alto. I parametri emodinamici avanzati forniti dal sensore FloTrac offrono dati utili in continuo per determinare in modo più accurato lo stato volemico del paziente. Il sensore mininvasivo FloTrac puo' essere collegato  a qualsiasi catetere arterioso esistente.

Sistema FloTrac

In soli dieci anni, il sensore FloTrac è stato scelto dai medici più di qualsiasi altra soluzione per le gestione del volume in oltre 2,5 milioni di pazienti in tutto il mondo.*†

FloTrac EV1000
Storia di FloTrac
Parametri di FloTrac
Risultato clinico di EV1000
FloTrac EV1000

Storia di FloTrac

Parametri di FloTrac

Risultato clinico di EV1000

L'algoritmo del sistema FloTrac si è evoluto in base a un database di pazienti ampio e in continua espansione, che consente di apportare continui miglioramenti alle prestazioni. Nella sua ultima versione (v.4.0), Edwards ha ulteriormente ampliato il database con l'inclusione di una popolazione di pazienti chirurgici più variegata, al fine di informare e aggiornare continuamente l'algoritmo. In particolare, sono stati aggiunti i pazienti con rischio chirurgico alto, tra cui, a titolo esemplificativo:

  • Procedure gastrointestinali
  • Procedure esofagee
  • Duodenopancreasectomia (Whipple)
  • Trapianto renale
  • Nefrectomia
  • Sostituzione dell'anca ed esofagectomia

Algoritmo del sistema FloTrac

Sensore FloTrac

ModelloDescrizioneLunghezzaUnità di misura
MHD8 Sensore FloTrac 213 cm (84") Conf. 1
MHD85 Sensore FloTrac 213 cm (84") Conf. 5
MHD6 Sensore FloTrac 152 cm (60") Conf. 1
MHD65 Sensore FloTrac 152 cm (60") Conf. 5
MHD6AZ Sensore FloTrac con sistema VAMP Adult 152 cm (60") Conf. 1
MHD6AZ5 Sensore FloTrac con sistema VAMP Adult 152 cm (60") Conf. 5

Piattaforma clinica EV1000

ModelloDescrizione
EVFTC1 Cavo FloTrac corto
EVFTCL Cavo FloTrac lungo
EVEC1 Cavo Ethernet corto
EVECL Cavo Ethernet lungo
EVVVTC1 Cavo VolumeView
EVMB1 Staffa per monitor
EVBB1 Staffa per databox
EVPB1 Staffa per adattatore di alimentazione
EVS1 Supporto da tavolo
EVPSB220 Adattatore di alimentazione, 220 V (Classe I)
EVPSB220L Adattatore di alimentazione, 220 V lungo (Classe I)
EVDTH4 Sostegno per trasduttore
EV1000A Piattaforma EV1000
EVRS Supporto con rotelle

*Dati in archivio.
Il sistema FloTrac è composto dal sensore FloTrac e dal monitor Vigileo o la piattaforma clinica EV1000.

Applicazione clinica

È stato dimostrato che i parametri emodinamici avanzati, implementati nell'ambito di un protocollo di PGDT, riducono le complicanze postoperatorie in pazienti con rischio chirurgico da moderato ad alto. 19 Il sistema FloTrac fornisce parametri emodinamici avanzati che possono essere utilizzati in PGDT per controllare la variabilità nella somministrazione dei volumi e facilitare il mantenimento del paziente nell'intervallo di volume ottimale.

Curva di Frank-Starling e curva di Bellamy

  • Ottimizzazione del volume di eiezione (SV) 4–12

La misurazione del volume di eiezione con il sensore FloTrac consente un approccio personalizzato alla somministrazione di fluidi fino a quando l'SV raggiunge un plateau sulla curva di Frank-Starling, per prevenire l'ipovolemia e l'eccessiva somministrazione di fluidi.

  • Ottimizzazione della variazione del volume di eiezione (SVV) 13

Per i pazienti in ventilazione controllata, la SVV è risultata un indicatore specifico e altamente sensibile della risposta al precarico, fungendo da marker accurato dello stato del paziente sulla curva di Frank-Starling.

  • Ottimizzazione dell'apporto di ossigeno (DO 2 con CCO) 14

La gittata cardiaca in continuo (CCO) misurata dal sistema FloTrac può essere utilizzata (in combinazione con la SaO2 e l'emoglobina) per monitorare e ottimizzare DO2 con fluidi (compresi gli eritrociti) e agenti inotropi.

Oltre 30 studi controllati randomizzati e più di 14 metanalisi hanno dimostrato i vantaggi clinici dell'ottimizzazione emodinamica rispetto alla gestione tradizionale del volume. 15-18

È stato dimostrato che i parametri emodinamici avanzati, implementati nell'ambito di un protocollo di PGDT, riducono le complicanze postoperatorie in pazienti con rischio chirurgico da moderato ad alto. 19 Il sistema FloTrac fornisce parametri emodinamici avanzati che possono essere utilizzati in PGDT per controllare la variabilità nella somministrazione dei volumi e facilitare il mantenimento del paziente nell'intervallo di volume ottimale.

Formazione emodinamica

Formazione per la terapia intensiva Edwards

Edwards fornisce programmi di formazione scientifica dal 1972.  Offre una gamma completa di programmi online, su carta stampata e in loco, disponibili per medici e staff clinici.

Questi sono gli strumenti specifici per la formazione:

IMPLEMENTAZIONE DEL PRODOTTO

Un sistema di monitoraggio emodinamico integrato

Il sensore FloTrac si integra con la piattaforma clinica Edwards EV1000 mostrando in un colpo d'occhio lo stato del paziente e offrendo un supporto clinico visivo e una maggiore chiarezza nella somministrazione dei volumi durante le procedure con rischio chirurgico da moderato ad alto.

La piattaforma clinica EV1000 offre ora la più avanzata prospettiva per la guida alla somministrazione dei volumi, se usata in unione con il sistema FloTrac. Le più recenti schermate cliniche grafiche disponibili sulla piattaforma clinica EV1000 consentono di mantenere i pazienti nell'intervallo di volume ottimale e di ridurre la variabilità delle somministrazioni. Time In Target facilita il rispetto della Perioperative Goal Directed Therapy (PGDT), aiutando l'utente a seguire e gestire i parametri chiave, oltre che a creare e monitorare protocolli personalizzati.

Fare clic qui per i requisiti completi e per scaricare il software analitico per la PGDT.

Quest'ultimo aggiornamento del software include il monitoraggio esteso e più precisamente:

  • Aggiunta del parametro SVR mediante l'aggiunta di un aggiornamento della CVP
  • Aggiunta di pressioni sanguigne e frequenza cardiaca tra i parametri chiave
  • MAP, SYS e DIA come parametri principali
  • Possibilità di visualizzazione della forma d'onda della pressione sanguigna

Contattate Edwards Lifesciences oggi stesso per aggiornare la piattaforma clinica EV1000 in uso.

Contrattare Edwards Lifesciences

Piattaforma clinica EV1000

Guide ai prodotti e alla configurazione


Prodotti correlati

La gamma di soluzioni di monitoraggio emodinamico di Edwards offre in continuo parametri dinamici e basati sul flusso, che possono essere utilizzati in PGDT per mantenere costantemente i pazienti con rischio chirurgico da moderato ad alto entro l'intervallo di volume ottimale.


Contatta un responsabile vendite

RIFERIMENTI
  1. Marik & Cavallazzi. Does central venous pressure predict fluid responsiveness? An updated meta-analysis and a plea for some common sense. Crit Care Med 2013
  2. Le Manach et al. Can changes in arterial pressure be used to detect changes in cardiac output during volume expansion in the perioperative period? Anesthesiology 2013
  3. Bennett D. Arterial Pressure: A Personal View. Functional Hemodynamic Monitoring. Berlin: Springer-Verlag, 2005. ISBN: 3-540-22349-5
  4. Cecconi M, Fasano N, Langiano N, et al. Goal-directed haemodynamic therapy during elective total hip arthroplasty under regional anaesthesia. Crit Care. 2011;15:R132
  5. Sinclair S, James S, Singer M. Intraoperative intravascular volume optimization and length of hospital stay after repair of proximal femoral fracture: randomised controlled trial. AMJ. 1997;315:909-912.
  6. Gan T, Soppitt A, Maroof M, et al. Goal-directed intraoperative fluid administration reduces length of hospital stay after major surgery. Anesthesiology. 2002;97(4):820-826.
  7. Venn R, Richardson P, Poloniecki J, Grounds M, Newman P. Randomized controlled trial to investigate influence of the fluid challenge on duration of hospital stay and perioperative morbidity in patients with hip fractures. Br J Anaesth. 2002;88(1):65-71.
  8. Conway D, Mayall R, Abdul-Latif M, Gilligan S, Tackaberry C. Randomised controlled trial investigating the influence of intravenous fluid titration using oesophageal Doppler monitoring during bowel surgery. Anaesthesia. 2002;57(9):845-849.
  9. McKendry M, McGloin H, Saberi D, Caudwell L, Brady A, Singer M. Randomised controlled trial assessing the impact of a nurse delivered, flow monitored protocol for optimisation of circulatory status after cardiac surgery. BMJ. 2004;329:358.
  10. Wakeling H, McFall M, Jenkins C, Woods W, Barclay G, Fleming S. Intraoperative oesophageal Doppler-guided fluid management shortens postoperative hospital stay after major bowel surgery. Br J Anaesth. 2005;95(5):634-642
  11. Noblett S, Snowden C, Shenton B, Horgan A. Randomized clinical trial assessing the effect of Doppler-optimized fluid management on outcome after elective colorectal resection. BJS. 2006;93(9):1069-1076.
  12. ChytraI, Pradl R, Bosman R, Pelnar P, Kasal E, Zidkova A. Esophageal Doppler-guided fluid management decreases blood lactate levels in multiple-trauma patients: a randomized controlled trial. Crit Care. 2007;11:R24.
  13. Benes J, ChytraI, Altmann P, et al. Intraoperative fluid optimization using stroke volume variation in high risk surgical patients: results of prospective randomized study. Crit Care. 2010;14:1-15.
  14. Donati A, Loggi S, Preiser JC, Orsetti G, Munch C, Gabbanelli V, Pelaia P, Pietropaoli P. Goal-directed intraoperative therapy reduces morbidity and length of hospital stay in high-risk surgical patients. Chest. 2007;132:1817-1824.
  15. Grocott et al. Perioperative increase in global blood flow to explicit defined goals and outcomes after surgery: a Cochrane systematic review. Br J Anaesth 2013
  16. Giglio MT, Marucci M, Testini M, Brienza N. Goal-directed haemodynamic therapy and gastrointestinal complications in major surgery: a meta-analysis of randomized controlled trials. Br J Anaesth 2009; 103: 637-46
  17. Dalfino L, Giglio MT, Puntillo F, Marucci M, Brienza N. Haemodynamic goal-directed therapy and postoperative infections: earlier is better. A systematic review and meta-analysis. Crit Care 2011; 15: R154
  18. Corcoran T et al. Perioperative Fluid Management Strategies in Major Surgery: A Stratified Meta-Analysis. Anesthesia – Analgesia 2012
  19. Hamilton MA, Cecconi M, Rhodes A. A systematic review and meta-analysis on the use of preemptive hemodynamic intervention to improve postoperative outcomes in moderate and high risk surgical patients. Anesthesia – Analgesia 2011; 112: 1392-402.
  20. CL Gurudatt. Perioperative fluid therapy: How much is not too much? Indian J Anaesth. 2012 Jul-Aug; 56(4): 323-325

Utilizzo Professionale

Utilizzo Professionale

Per informazioni complete sulla prescrizione, incluse indicazioni, controindicazioni, avvertenze, precauzioni ed eventi avversi, consultare le Istruzioni per l'uso.

I dispositivi Edwards Lifesciences in vendita nel mercato europeo e conformi ai requisiti essenziali di cui all'articolo 3 della direttiva 93/42/CEE relativa ai dispositivi medici recano il marchio di conformità CE.

Please update your browser

Please update to a current version of your preferred browser, this site will perform effectively on the following:

Unable to update your browser?

If you are on a computer, that is maintained by an admin and you cannot install a new browser, ask your admin about it. If you can't change your browser because of compatibility issues, think about installing a second browser for browsing and keep this old one for compatibility