La chiarezza per mantenere costantemente i pazienti entro
l'intervallo di volume ottimale. Il controllo per ridurre la
variabilità nella somministrazione di volume.
Parametri dinamici e basati sul flusso
in sala operatoria 
I parametri emodinamici avanzati
utilizzati nell'ambito di un protocollo di
PGDT gestito dai medici sono fondamentali per una somministrazione
ottimale di volume. 31
Non Invasivo
Sistema ClearSight
Mininvasivo
Sistema FloTrac
Completo
Catetere Swan-Ganz
Azienda pioniera nella gestione emodinamica, Edwards offre soluzioni per il
monitoraggio emodinamico integrate utilizzabili in fase perioperatoria dalla sala operatoria all'unità di terapia intensiva.

Le soluzioni per il monitoraggio emodinamico Edwards offrono parametri emodinamici avanzati dimostratisi più utili rispetto a parametri basati sulla pressione tradizionali quali pressione arteriosa media (MAP) e pressione venosa centrale (CVP) per la determinazione della risposta ai liquidi. 1,2

Ciascuna soluzione di monitoraggio Edwards offre informazioni dinamiche e basate sul flusso continue,che possono essere utilizzate nell'ambito della Perioperative Goal-Directed Therapy (PGDT) per mantenere costantemente i pazienti con rischio chirurgico da moderato ad alto entro l'intervallo di volume ottimale. 3

Mininvasivo
Sistema FloTrac
Non Invasivo
Sistema ClearSight
Completo
Catetere Swan-Ganz

A seconda della complessità della procedura e dei fattori di rischio specifici del paziente, è possibile scegliere i
parametri dinamici e basati sul flusso preferiti, oltre alla soluzione di monitoraggio emodinamico Edwards più adatta
all'approccio clinico prescelto e alle esigenze dei pazienti con un rischio chirurgico da moderato ad alto.


Edwards offre una serie di informazioni sui prodotti, strumenti e risorse di formazione che contribuiscono a migliorare
assistenza al paziente estendendo i vantaggi di una ridotta variabilità nella somministrazione di volume a una più ampia gamma
di pazienti e di interventi chirurgici con rischio da moderato ad alto.

Valore basato su evidenza del mantenimento del paziente entro l'intervallo di volume ottimale attraverso la Perioperative Goal-Directed Therapy (PGDT) 4-7
Oltre 30
studi controllati
randomizzati
Scarica l'elenco completo
degli studi
Oltre 14
metanalisi
Scarica l'elenco completo
degli studi

Oltre 30 studi controllati randomizzati e più di 14 metanalisi hanno dimostrato i vantaggi clinici, compresa una riduzione delle complicanze postoperatorie per diverse popolazioni di pazienti con rischio chirurgico da moderato ad alto, dell'ottimizzazione emodinamica con un protocollo di PGDT e parametri avanzati rispetto alla gestione del volume tradizionale. 4-7


Inoltre, un ampio corpus di evidenze cliniche dimostra che l'ottimizzazione emodinamica orientata agli obiettivi dei pazienti ad alto rischio, avviata in sala operatoria e mantenuta in terapia intensiva, non solo migliora gli esiti a breve termine, ma aumenta anche la sopravvivenza a lungo termine. 8-27

Come mantenere costantemente
il paziente entro l'intervallo di volume ottimale.
Correlazione di Frank-Starling tra
precarico e volume di eiezione (SV)

La gestione ottimale del volume è possibile quando i parametri dinamici e basati sul flusso vengono utilizzati nell'ambito di un protocollo quale la Perioperative Goal-Directed Therapy (PGDT). 3,28-30


Gestire la somministrazione di volume non significa mantenere costantemente il paziente entro l'intervallo di volume ottimale. 3,28,33-34
Vantaggi dei parametri emodinamici
come guida alla somministrazione di volume.

Gli scostamenti dalla stabilità emodinamica possono aumentare con interventi più invasivi e/o condizioni cliniche più gravi. L'accesso continuo a parametri emodinamici avanzati fornisce informazioni chiare e immediate sullo stato fisiologico del paziente che consentono di assumere decisioni più informate sulla somministrazione del volume, facilitando il mantenimento del paziente entro l'intervallo di volume ottimale.3,8,23,25,26,38-42

Confronto tra parametri emodinamici avanzati
e assistenza tradizionale.


La gestione tradizionale del volume, basata sul monitoraggio standard comprensivo di pressione venosa centrale (CVP), è subottimale. 1,2


Studi clinici hanno dimostrato che la CVP non è predittiva della risposta ai liquidi1 e che le variazioni della pressione sanguigna non possono essere prese in considerazione per seguire i cambiamenti del volume di eiezione (SV) o della gittata cardiaca (CO) indotte dall'espansione del volume. 2


La variazione del volume di eiezione (SVV) ha dimostrato maggiore sensibilità e specificità nella valutazione del volume di sangue circolante se confrontata con indicatori tradizionali dello stato del volume (HR, MAP, CVP). 16,20,32

Strategie di ottimizzazione

Ottimizzazione del volume di eiezione (SV) 11,16-19,21-26

La misurazione del volume di eiezione con i sistemi ClearSight e FloTrac consente un approccio personalizzato alla somministrazione di liquidi fino a quando la SV raggiunge un plateau sulla curva di Frank-Starling, per prevenire l'ipovolemia e l'eccessiva somministrazione di liquidi.


Ottimizzazione della variazione del volume di eiezione (SVV) 25

Per i pazienti in ventilazione controllata, la SVV è risultata essere un indicatore specifico e altamente sensibile della risposta al precarico, fungendo da marker accurato dello stato del paziente sulla curva di Frank-Starling.


Ottimizzazione della distribuzione di ossigeno (DO2 con CCO) 23

La gittata cardiaca in continuo (CCO) misurata dai sistemi ClearSight e FloTrac può essere utilizzata (in combinazione con la SaO2 e l'emoglobina) per monitorare e ottimizzare la DO2 con liquidi (compresi gli eritrociti) e agenti inotropi.

Studi sul protocollo per SV Addominale Intestinale Cardiaco Cistectomia Generale Anca Trauma Vascolare
Bisgaard 2012 *
Scheeren 2012 *
Pillai 2011 *
Jhanji 2010 *
Chytra 2007 *
Noblett 2006 *
Wakeling 2005 *
McKendry 2004 *
Conway 2002 *
Gan 2002 *
Venn 2002 *
Sinclair 1997 *
Mythen 1995 *
Ventilazione meccanica 35,36

Attualmente, gli studi pubblicati supportano l'uso della SVV solo su pazienti con ventilazione meccanica al 100% (respirazione controllata), con volumi correnti superiori a 8 cc/kg e frequenze respiratorie stabili.

Respirazione spontanea 35,36

Attualmente, gli studi pubblicati non supportano l'uso della SVV su pazienti che respirano autonomamente a causa della natura irregolare della frequenza respiratoria e dei volumi correnti.

Aritmie 35,36

Le aritmie possono influire notevolmente sui valori della SVV. Ne consegue che l'utilità della SVV come guida per il ripristino del volume è maggiore in assenza di aritmie.

PEEP 35,36

Un aumento dei livelli della pressione positiva al termine dell'espirazione (PEEP) potrebbe causare un aumento della SVV, i cui effetti potrebbero essere corretti con un ripristino di volume supplementare, se richiesto.

Tono vascolare 35,36

Gli effetti della terapia vasodilatatoria potrebbero far aumentare la SVV e dovrebbero quindi essere presi in considerazione prima di un trattamento con volume supplementare.
Studi sul protocollo per SVV Addominale Addominale e vascolare Cardiaco Toracico
Goepfert 2013 *
Zhang 2013 *
Zheng 2013 *
Ramsingh 2012 *
Scheeren 2012 *
Benes 2010 *
Mayer 2009 *
Studi sul protocollo per DO2 Addominale Generale Generale e vascolare Epatectomia Anca Trauma Vascolare
Bisgaard 2012 *
Cecconi 2011 *
Jhanji 2010 *
Pearse 2005 *
Lobo 2000 *
Wilson 1999 *
Ueno 1998 *
Boyd 1993 *
Fleming 1992 *
Shoemaker 1988 *
Una gamma di soluzioni per il monitoraggio emodinamico avanzato.
Sistema
FloTrac
mininvasivo
Sistema
ClearSight
non invasivo
Catetere
Swan-Ganz
completo
Al vostro fianco per una migliore assistenza al paziente grazie a
informazioni utili che contribuiscono a orientare la somministrazione di volume.
Non invasivo
Sistema ClearSight
La fascetta per dito ClearSight estende la possibilità di offrire un monitoraggio emodinamico avanzato, non invasivo, a una più ampia gamma di pazienti potenzialmente a rischio di complicanze postoperatorie. Maggiori informazioni
Mininvasivo
Sistema FloTrac
Il sensore FloTrac rappresenta la soluzione per il monitoraggio emodinamico pratica e affidabile in cui hanno riposto la propria fiducia oltre due milioni di pazienti in tutto il mondo, usata da un numero maggiore di medici rispetto a qualsiasi altra soluzione per la gestione del volume.* Maggiori informazioni
Completo
Catetere Swan-Ganz


Il catetere arterioso polmonare Swan-Ganz fornisce la chiarezza di un profilo emodinamico completo con un'unica soluzione di monitoraggio. Consente un controllo continuo di flusso, pressione e distribuzione e consumo di ossigeno per una valutazione tempestiva. Per ottenere una visualizzazione continua della funzione cardiaca che consenta un intervento tempestivo nei pazienti critici, è possibile scegliere i parametri che meglio si adattano all'approccio clinico prescelto e alle esigenze specifiche del paziente. Maggiori informazioni
Piattaforma clinica EV1000

La piattaforma clinica EV1000 presenta in modo chiaro e semplice le informazioni sullo stato fisiologico del paziente per consentire al medico di assumere decisioni più informate sulla somministrazione del volume. Accesso continuo a parametri clinicamente convalidati * attraverso la piattaforma clinica EV1000 con sistema ClearSight, sensore FloTrac, catetere venoso centrale per ossimetria Edwards e cateteri per ossimetria PediaSat e set VolumeView.
* I parametri clinici includono CCO, SV, SVV, ScvO2, CO, GEDV, GEF, EVLW, RVEDV, RVEF
Chiarezza in ogni momento
Una gamma di opzioni per il monitoraggio emodinamico
per le più svariate esigenze cliniche.
* Protocolli d'esempio, non destinati all'uso come guida clinica. Sono stati pubblicati ulteriori
protocolli. Per l'elenco completo di tutti gli studi, rivolgersi al rappresentante Edwards
Lifesciences di zona.
Risorse a sostegno dell'ospedale per una migliore assistenza al paziente
attraverso decisioni più informate sulla somministrazione di volume.
Vorrei provare una soluzione che aiuti il mio ospedale a estendere il monitoraggio emodinamico avanzato a una più ampia gamma di pazienti.
Vorrei organizzare una dimostrazione per aumentare la competenza della mia équipe chirurgica in relazione ai parametri emodinamici.
Desidero ricevere maggiori informazioni
sull'utilizzo dei parametri emodinamici avanzati.
Vorrei essere
contattato/a da un rappresentante.
Desidero iscrivermi a questo e ad altri webinar futuri–Compliance PGDT: offro davvero un'assistenza ottimizzata ai miei pazienti?
Più conoscenze. Più tempestività.


Riferimenti
1. Marik & Cavallazzi. Does central venous pressure predict fluid responsiveness? An updated meta-analysis and a plea
for some common sense. Crit Care Med 2013
2. Le Manach et al. Can changes in arterial pressure be used to detect changes in cardiac output during volume
expansion in the perioperative period? Anesthesiology 2013
3. Bellamy MC. Wet, dry or something else? Br J Anaesth 2006;97(6):755-757
4. Grocott et al. Perioperative increase in global blood flow to explicit defined goals and outcomes after surgery: a
Cochrane systematic review. Br J Anaesth 2013
5. Giglio MT, Marucci M, Testini M, Brienza N. Goal-directed haemodynamic therapy and gastrointestinal complications in
major surgery: a meta-analysis of randomized controlled trials. Br J Anaesth 2009; 103: 637–46
6. Dalfino L, Giglio MT, Puntillo F, Marucci M, Brienza N. Haemodynamic goal-directed therapy and postoperative
infections: earlier is better. A systematic review and meta-analysis. Crit Care 2011; 15: R154
7. Corcoran T et al. Perioperative Fluid Management Strategies in Major Surgery: A Stratified Meta-Analysis. Anesthesia –
Analgesia 2012
8. Shoemaker WC, et al. Prospective trial of supranormal values of survivors as therapeutic goals in high-risk surgical
patients. Chest. 1988;23:1176–1186.
9. Boyd O, et al. A randomized clinical trial of the effect of deliberate perioperative increase of oxygen delivery on mortality
in high-risk surgical patients. JAMA. 1993;270(22):2699–2707.
10. Mythen M, Webb A. Perioperative plasma volume expansion reduces the incidence of gut mucosal hypoperfusion
during cardiac surgery. Arch Surg. 1995;130(4):423–429.
11. Sinclair S, James S, Singer M. Intraoperative intravascular volume optimization and length of hospital stay after repair of
proximal femoral fracture: randomised controlled trial. AMJ.1997;315:909–912.
12. Ueno S, et al. Response of patients with cirrhosis who have undergone partial hepatectomy to treatment aimed at
achieving supranormal oxygen delivery and consumption. Surgery.1998;123(3):278–86.
13. Wilson J, Woods I, Fawcett J, Whall R, Dibb W, Morris C, et al. Reducing the risk of major elective surgery: randomised
controlled trial of preoperative optimisation of oxygen delivery. BMJ. 1999;318:1099–103.
14. Lobo SM, Salgado PF, Castillo VG, et al. Effects of maximizing oxygen delivery on morbidity and mortality in high-risk
surgical patients. Crit Care Med. 2000;28:3396–3404.
15. Pölönen P, Ruokonen E, Hippeläinen M, Pöyhönen M, Takala J. A prospective, randomized study of goal-oriented
hemodynamic therapy in cardiac surgical patients. Anesth Analg.2000;90:1052–1059.
16. Gan T, Soppitt A, Maroof M, et al. Goal-directed intraoperative fluid administration reduces length of hospital stay after
major surgery. Anesthesiology. 2002;97(4):820–826.
17. Venn R, Richardson P, Poloniecki J, Grounds M, Newman P. Randomized controlled trial to investigate influence of the
fluid challenge on duration of hospital stay and perioperative morbidity in patients with hip fractures. Br J Anaesth.
2002;88(1):65–71.
18. Conway D, Mayall R, Abdul-Latif M, Gilligan S, Tackaberry C. Randomised controlled trial investigating the influence of
intravenous fluid titration using oesophageal Doppler monitoring during bowel surgery. Anaesthesia.
2002;57(9):845–849.
19. McKendry M, McGloin H, Saberi D, Caudwell L, Brady A, Singer M. Randomised controlled trial assessing the impact of
a nurse delivered, flow monitored protocol for optimization of circulatory status after cardiac surgery. BMJ.
2004;329:358.
20. Pearse R, et al. Early goal-directed therapy after major surgery reduces complications and duration of hospital stay. Crit
Care. 2005;R687–693.
21. Wakeling H, McFall M, Jenkins C, Woods W, Barclay G, Fleming S. Intraoperative oesophageal Doppler-guided fluid
management shortens postoperative hospital stay after major bowel surgery. Br J Anaesth. 2005;95(5):634–642.
22. Noblett S, Snowden C, Shenton B, Horgan A. Randomized clinical trial assessing the effect of Doppler-optimized fluid
management on outcome after elective colorectal resection. BJS. 2006;93(9):1069–1076.
23. Donati A, Loggi S, Preiser J-C, Orsetti G, Munch C, Gabbanelli V, Pelaia P, Pietropaoli P. Goal-directed intraoperative
therapy reduces morbidity and length of hospital stay in high-risk surgical patients. Chest. 2007;132:1817–1824.
24. Chytra I, Pradl R, Bosman R, Pelnar P, Kasal E, Zidkova A. Esophageal Doppler-guided fluid management decreases
blood lactate levels in multiple-trauma patients: a randomized controlled trial. Crit Care. 2007;11:R24.
25. Benes J, et al. Intraoperative fluid optimization using stroke volume variation in high risk surgical patients: results of
prospective randomized study. Crit Care. 2010;14:1-15.
26. Cecconi M, Fasano N, Langiano N, Divella M, Costa M, Rhodes A, Della Rocca G. Goal directed haemodynamic
therapy during elective total hip arthroplasty under regional anaesthesia. Crit Care. 2011;15:R132. doi:10.1186/cc10246.
27. Rhodes A, Cecconi M, Hamilton M, Poloniecki J, Woods J, et al. Goal-directed therapy in high-risk surgical patients: a
15-year follow-up study. Intensive Care Med. doi:10.1007/s00134-010-1869-6.
28. Cannesson M. Arterial pressure variation and goal-directed fluid therapy. J Cardiothorac Vasc Anesth
2010;24(3):487-497
29. Berkenstadt H, et al. Stroke volume variation as a predictor of fluid responsiveness in patients undergoing brain surgery.
Anesth Analg 2001;92:984-989.
30. Michard F. changes in arterial pressure during mechanical ventilation. Anesthesiology. 2005;103:419-428.
31. Michard & Biais. Rational fluid management: dissecting facts from fiction. Br J Anesth 2012.
32. O’Leary MJ: Preventing renal failure in the critically ill. BMJ 2001, 1437-1439
33. Hamilton MA, Cecconi M, Rhodes A. A systematic review and meta-analysis on the use of preemptive hemodynamic
intervention to improve postoperative outcomes in moderate and high risk surgical patients. Anesth Analg 2011; 112:
1392–402
34. Pearse M, Harrison D, MacDonald N, et al. For the OPTIMISE Study Group. Effect of a Perioperative, Cardiac
Output-Guided Hemodynamic Therapy Algorithm on Outcomes Following Major Gastro-Intestinal Surgery: A
Randomized Clinical Trial and Systemic Review. JAMA 2014 doi:10.1001/jama.2014.5305.
35. Michard F, Volume management using dynamic parameters: the good, the bad, and the ugly. Chest 2005;
128:1902–1903
36. Perel et al. Bench-to-bedside review: Functional hemodynamics during surgery – should it be used for all high-risk
cases? Critical Care 2013; 17:203
37. Boyd O, Jackson N. How is risk defined in high-risk surgical patient management? Crit Care. 2005;9(4):390-396.
38. Kuper M, Gold SJ, Callow C, et al. Intraoperative fluid management guided by oesophageal Doppler monitoring. BMJ.
2011;342:d3016.
39. Ramsingh DS, Sanghvi C, Gamboa J, et al. Outcome impact of goal directed fluid therapy during high risk abdominal
surgery in low to moderate risk patients: a randomized controlled trial [published December 2012]. J Clin Monit Comput.
doi: 10.1007/s10877-012-9422-5.
40. Wang P, Wang HW, Zhong TD. Effect of stroke volume variability-guided intraoperative fluid restriction on
gastrointestinal functional recovery [published online ahead of print]. Hepatogastroenterology. 2012;59(120):2457-2460.
41. Bellamy MC. Wet, dry or something else? Br J Anaesth. 2006 Dec;97(6):755-7.
42. Benes J, Giglio M, Brienza N, Michard F. The effects of goal-directed fluid therapy based on dynamic parameters on post-surgical outcome: a meta-analysis of randomized controlled trials. Crit Care. 2014 Oct 28;18(5):584. 

Per Uso Professionale

Per uso professionale. Per informazioni complete sulla prescrizione, incluse indicazioni, controindicazioni, avvertenze, precauzioni ed eventi avversi, consultare le Istruzioni per l'uso.

Per Uso Professionale

Per uso professionale. Per informazioni complete sulla prescrizione, incluse indicazioni, controindicazioni, avvertenze, precauzioni ed eventi avversi, consultare le Istruzioni per l'uso.

I dispositivi Edwards Lifesciences in vendita nel mercato europeo e conformi ai requisiti essenziali di cui all'articolo 3 della direttiva 93/42/CEE concernente i dispositivi medici recano il marchio di conformità CE.

Please update your browser

Please update to a current version of your preferred browser, this site will perform effectively on the following:

Unable to update your browser?

If you are on a computer, that is maintained by an admin and you cannot install a new browser, ask your admin about it. If you can't change your browser because of compatibility issues, think about installing a second browser for browsing and keep this old one for compatibility